11 Settembre 20 anni dopo

New York, 11 settembre 2001

Sono passati 20 anni da quel giorno. Io lo ricordo benissimo, stavo vedendo un notiziario alla televisione che aveva appena lanciato le prime notizie e poi ci fu una diretta che durò ore. In quei momenti si videro cose pazzesche. Aerei che colpivano grattacieli, incendi, persone che si buttavano di sotto dal 40 esimo piano , fumo, terrore. Una New York impazzita squarciata da colpi folli che l’avevano colpita in pieno.

I filmati degli impatti che venivano rimandati decine e decine di volte, le prime interviste alle persone che stavano per strada ad assistere con terrore a quello che accadeva, L a prima idea che mi feci è che fosse scoppiata una nuova guerra mondiale.

Non poteva essere un “normale atto terroristico”, era qualcosa di più grosso.

E subito mi vennero alcuni interrogativi a cui non è mai stata data una risposta “credibile”. Li elenco in ordine sparso:

1) Chi aveva portato i velivoli sul bersaglio doveva essere un pilota molto bravo. Si seppe invece, in breve tempo, che i presunti dirottatori non erano piloti militari ma persone non particolarmente esperte, infatti dopo si disse che avevano frequentato corsi di pilotaggio per aerei poco più grandi di un piper. (se andate sul sito Pilots dor 11/9 c’è una spiegazione)

2) Dopo il crollo delle torri, in quel vero e proprio inferno di fuoco e macerie, si trovarono , praticamente intatti, i passaporti di alcuni presunti terroristi. In poco tempo si sapeva già chi aveva compiuto materialemente l’attacco!

3) Un altro aspetto che mi aveva stupito è che per più di un’ora, almeno 4 aerei erano stati dirottati e fatti arrivare a destinazione senza che uno straccio di caccia della difesa aerea fosse riuscito ad intervenire

4) Il crollo dei tre edifici. Sembrava il classico esempio di “demolizione controllata”. L’edificio che cade esattamente in verticale, senza che la struttura di sotto facesse un effetto anche minimo di “ammortzzazione” Inoltre è stato l’unico caso nella storia della edilizia contemporanea, e per tre volte, che un edificio in acciaio sia crllato per effetto di un incendio. Non era mai accaduto prima e non accadrà mai più. Strano, vero?

Poi , a distanza di tempo, approfondii e mi accorsi che non ero l’unico che aveva dei forti dubbi su come erano andate davvero le cose. Certo, uscirono fuori le storie più assurde, ci mancava solo la spiegazione dei marziani o dei rettiliani, ma il problema rimaneva. La versione ufficiale faceva, e fa tutt’ora, acqua da tutte le parti. Non mi metto, in questa sede, ad elencare tutte le lacune della versione ufficiale, che interessano sia questioni tecniche, ben affrontate da alcuni gruppi indipendenti come gli “Architects and Engineers for Truth 11/9”, composta da centinaia di ingegneri ed architetti che dimostra l’assurdità delle tesi ufficiali sul crollo per incendio o i “Pilots for 11/9” (qui altro sito).

In Italia, grande il lavoro fatto col film Zero, che trovate anche su Amazon”, ed anche l’inchiesta di Massimo Mazzucco, di cui “La Nuova Pearl Harbour” è uno dei filmati, ma ce ne sono anche altri. Qui trovate un video che prende in giro la versione ufficiale a distanza di 20 anni. “L’inganno Globale” è un altro video di Mazzucco. sul tema

La riforma della giustizia Cartabia

Qualcuno l’ha già chiamata “schiforma”…

Questa “riforma” è una presa per i fondelli per il cittadino italiano. Proviamo a vedere perché:

  1. Dicono che serva a velocizzare i processi. Se credete veramente a questo, mettetevi l’anima in pace. Questa riforma NON VELOCIZZA NULLA! Per velocizzare occorrerebbe semplificare il corpus normativo, snellire le procedure, aumentare il numero dei giudici, dei tribunali, dei cancellieri, informatizzare maggiormente gli uffici. Nulla di tutto questo è contemplato!
  2. Invece di velocizzare i processi si è scelto di fare un’altra cosa, quella di portare a prescrizione circa il 50% dei processi. Cioè a dire, un processo su due, non avrà un seguito. Ti hanno ammazzato tuo figlio/a o tuo padre/madre? Hai il 50% delle possibilità che il presunto colpevole se la scampi senza neanche avere un iter processuale completo.
  3. Per completare la presa per i fondelli hanno messo dei limiti: i 5 stelle hanno chiesto che per i processi per mafia o terrorismo queste regole non siano applicate. Ma il sistema è perverso, per cui anche un povero ee semplice manifestante notav è considerato terrorista (!!) e quindi non si vedrà applicata la norma, come capiterà invece a ladri e corrotti, mentre invece la norma non è valida per i presunti violentatori o i presunti spacciatori (quest’ultima voluta da salvini per accontentare il proprio elettorato giustizialista)
  4. Invece i presunti  ladri, i politici o gli amministratori corrotti, i “colletti bianchi”, i truffatori saranno beneficiati della norma (!)
  5. La legge è anticostituzionale, perchè va contro il principio delll’obbligatorietà dell’azione penale, lasciando a PM e giudici la libertà di scegliere quando procedere e quando no.
  6. Per giustificare questo sconcio il governo Draghi dice: ce lo chiede l’europa! NON E’ VERO!!. L’Europa ci chiede processi più rapidi, non la cancellazione di buona parte di essi.
  7. Dicono che è una legge “garantista”. Ma chi garantirà le vittime ed i familiari delle vittime dei reati che si vedranno prosciolti senza colpo ferire  quelli che molto probabilmente hanno causato danni alla loro vita?
  8. Giudici di tutta italia, componenti del CSM e molti addetti ai lavori stanno protestando contro questa assurda legge ammazzaprocessi. Non si può accettare un così grave abbassamento del livello di legalità nel nostro paese!

Vaccinazione Eterologa: L’ultima boutade del “governo dei migliori”

Questo qui sopra è un articolo del Corriere della Sera a cui fa riferimento questo articolo che sto scrivendo-

L‘ultima boutade di Draghi e del governo dei “Migliori”: Dato il via alla vaccinazione eterologa.

Questo governo sta raggiungendo dei livelli così infimi che le critiche al governo Conte, col senno del poi, appaiono del tutto immotivate rispetto ai danni che sta provocando questo governo.

Pensiamo al discorso delle vaccinazioni: nonostante le “spallate” del Generale Figliuolo, la situazione delle vaccinazioni in italia segna il passo. La pessima ed ondivaga informazione effettuata sui vaccini ha disorientato le persone. L’idea a giorni alterni di far vaccinare gli anziani, no i giovani, con Astrazeneca, no con Pfizer, aprendo e chiudendo, nel pieno delirio, i famosi “open day” a lasciato a bocca aperta l’italiano medio che ora è molto più scettico sul da farsi.

Siamo alla seconda fase, quella dei richiami. Praticamente il sistema è andato in tilt. La cosa giusta sarebbe che ognuno facesse il richiamo con lo stesso vaccino. LA validità dei vaccini è stata sperimentata facendo due dosi sempre dello stesso vaccino. L’idea della Vaccinazione Eterologa sembra presa da un film con Lino Banfi in veste di epidemiologo e la buona, anzi bona, Edvige Fenech nelle vesti (o senza le vesti) della dottoressa del distretto militare nonché della ASL, magari diventata ministra per questioni di letto. ( ma questo sarebbe una sceneggiatura da mediaset)

LA realtà è che il gen. Figliuolo non sa più dove mettere le mani. Per programmare i richiami occorre sapere quanti farne per ogni tipo di vaccino. MA ora siamo al caos più totale, è stato contraddetto quanto previsto fino ad ora e le regioni non saanno che pesci prendere.

Ed ecco che entra in azione il genio italico, quello ben descritto dall’episodio di Amici Miei del vasetto da notte del bambino.

Ma qui a farla fuori dal vaso è proprio Draghi ed il suo governo dei migliori, che per superare l’impasse si inventa una cosa che NON ESISTE: la vaccinazione eterologa! Già il nome fa ridere (o meglio fa molto piangere)…

E vai col cocktail di vaccini, tanto che importa, a qualcosa servirà, se non altro Filgiuolo e Draghi si salvano le loro poltroncione in pelle umana alla faccia nostra!

Sono esagerato nel commentare in modo così tagliente quello che sta accedendo?

Dite voi la vostra!

L’ultima boutade di Draghi e del governo dei “Migliori”: Dato il via alla vaccinazione eterologa.

Questo governo sta raggiungendo dei livelli così infimi che le critiche al governo Conte, col senno del poi, appaiono del tutto immotivate rispetto ai danni che sta provocando questo governo.

Pensiamo al discorso delle vaccinazioni: nonostante le “spallate” del Generale Figliuolo, la situazione delle vaccinazioni in italia segna il passo. La pessima ed ondivaga informazione effettuata sui vaccini ha disorientato le persone. L’idea a giorni alterni di far vaccinare gli anziani, no i giovani, con Astrazeneca, no con Pfizer, aprendo e chiudendo, nel pieno delirio, i famosi “open day” a lasciato a bocca aperta l’italiano medio che ora è molto più scettico sul da farsi.

Siamo alla seconda fase, quella dei richiami. Praticamente il sistema è andato in tilt. La cosa giusta sarebbe che ognuno facesse il richiamo con lo stesso vaccino. LA validità dei vaccini è stata sperimentata facendo due dosi sempre dello stesso vaccino. L’idea della Vaccinazione Eterologa sembra presa da un film con Lino Banfi in veste di epidemiologo e la buona, anzi bona, Edvige Fenech nelle vesti (o senza le vesti) della dottoressa del distretto militare nonché della ASL, magari diventata ministra per questioni di letto. ( ma questo sarebbe una sceneggiatura da mediaset)

LA realtà è che il gen. Figliuolo non sa più dove mettere le mani. Per programmare i richiami occorre sapere quanti farne per ogni tipo di vaccino. MA ora siamo al caos più totale, è stato contraddetto quanto previsto fino ad ora e le regioni non saanno che pesci prendere.

Ed ecco che entra in azione il genio italico, quello ben descritto dall’episodio di Amici Miei del vasetto da notte del bambino.

Ma qui a farla fuori dal vaso è proprio Draghi ed il suo governo dei migliori, che per superare l’impasse si inventa una cosa che NON ESISTE: la vaccinazione eterologa! Già il nome fa ridere (o meglio fa molto piangere)…

E vai col cocktail di vaccini, tanto che importa, a qualcosa servirà, se non altro Figliuolo e Draghi si salvano le loro poltroncione in pelle umana alla faccia nostra!

Sono esagerato nel commentare in modo così tagliente quello che sta accedendo?

Dite voi la vostra!

Grillo furioso…

Il video di Beppe Grillo mi ha fatto un po’ pena ed un po’ schifo.

Pena, perchè vedere uno come lui essere ridotto ad esprimersi in quei termini, con quei modi, dimostrando di aver perso completamente la bussola, fa pena.

Schifo, perchè giustificare un presunto stupro in quel modo, come se fosse una ragazzata, tra ragazzi coglioni che girano in casa con il pisello di fuori e una ragazza evidentemente “poco di buono” (chiaramente sottinteso) che prima ci sta e poi, dopo ben otto giorni!!!, denuncia.

Una bruttissima pagina di maschilismo, quello più becero, quello che “se l’è cercata”, quello che “se-non-denuncia-subito-vuol-dire-che-non-è-vero”.

Qualcuno ha voluto mettere in questa storia una valenza politica che non c’è.

Qualcuno ha fatto l’occhietto… ehhh, c’è la Bongiorno, allora è tutta una bufala...

Invece…

E’ una squallida storia di squallidi protagonisti.

Grillo ha scelto di fare la cosa peggiore.

Avrebbe dovuto tacere fino a fine processo. Sarebbe stato dignitoso. Doloroso ma dignitoso.

Ma il processo è andato per le lunghe, dice qualcuno.

Sì, come tutti i processi in Italia, il ragazzotto non è figlio della Gallina Bianca e i tempi lenti sono lenti per tutti.

Beppe, in questi ultimi anni ogni tua uscita mediatica è stato un missile lanciato verso il m5s. Anche questa storia avrà delle ricadute pesantissime nei confronti del movimento, già dilaniato da mille divisioni ed inconcludenze. Sì, inconcludenze, come è opossibile che si sia arrivati ad ascoltare Giggino dire: “dobbiamo diventare più liberali e moderati”. Dal vaffanculo al moderatismo…

E Conte, che pure ha dimostrato un certo savoir faire nel suo periodo a Palazzo Chigi, rimane fondamentalmente un democristiano ante litteram, e non solo per i suoi studi dai preti.

Uno vale Uno e Pisellino Grillo vale centomila, almeno per Beppe, cuore di Padre.

Peccato che un movimento che nasceva su alcune buone idee ma anche su tare evidenti già dalla nascita (uno vale uno ma due valgono tutto), si sia completamente sgonfiato come un soufflè tirato troppo presto dal forno.

Ne vedremo ancora delle belle (o delle brutte).

Peccato!

In un mondo politico osceno (pensate solo ai mattei, alla pescivendola, al nipote prediletto di Gianni Letta, al calenda, tanto per dirne qualcuno).

Pensate ai formiconi celesti ed ai loro vitalizi

Pensate a Draghi, partito da fenomeno ed ora già pronto per la fucilazione.

Il brutto è che a tutto questo non c’è oggi alternativa!

Se si dovesse andare a votare oggi ci vorrebbe una grossa pinza per turarsi il naso, perchè l’odore di fogna è fortissimo.

Ma non avevo detto che il caso del figlio di Grillo esulava dalla politica?

Vero!

Ma Grillo vuole ancora avere voce in capitolo e quindi le considerazioni fatte hanno la loro validità.

Speriamo che da tutto questo guano possa un giorno nascere un fior…

I sondaggi farlocchi…

L’altra sera, nello speciale crisi di governo di LA7, il buon Chicco Mentana parlava, parlava, parlava, col suo inimitabile stile a mitraglietta e, ad un certo punto, ha chiamato i SONDAGGI, che ormai sono il vero punto di riferimento di giornalisti, politologi e politici. Io, che sono malpensante di natura, ho qualche dubbio sulla giustezza dei sondaggi, soprattutto quando sono commissionati da qualcuno. Nel caso specifico si trattava di un sondaggio riferito alla crisi di governo. La cosa ridicola e risibile è stata quansdo è stato chiesto agli italiani chi avrebbero voluto come nuovo Presidente del Consiglio. Ebbene, a parte i soliti nomi, al 2,6% delle risposte, era segnata niente di meno che Marta Cartabia, l’ex presidente della Corte Costituzionale, una giurista che nessuno conosce a parte gli addetti ai lavori e qualche ben informato. Più consensi di Di maio, di Gentiloni . ecc ecc ?????

Ora dubito seriamente che anche solo il 5% degli italiani, disinformati quotidianamente dai vari tiggì-delle varie reti, possa conoscere questa signora, chi è, cosa ha fatto e perchè sarebbe degna di diventare presidente del consiglio. Eppure, secondo il sondaggio, ben il 2,6% degli Italiani vorrebbe che diventasse Presidente del Consiglio, al quarto posto dopo Giuseppe Conte, Mario Draghi e Carlo Cottarelli (!!). E’ evidente che ci deve essere stata qualche “forzatura” nel porre questa domanda, magari inserendo quel nome insieme ad altri cinque o sei dei “soliti noti”. Dubito che in una domanda “aperta” ci possa essere un 2,6 % che la vota, ma semplicemente per il fatto che per la quasi totalità degli italiani è una perfetta sconosciuta (ho fatto un piccolo sondaggio interno, tra famiglia ed amici, non la conosce nessuno).

Quindi ora sapete come sono fatti molti sondaggi. Impostati in modo da avere le risposte che si vogliono avere: Perchè secondo voi partitini di scappati di casa come quelli di Calenda, di Toti ed anche IV, secondo alcuni sondaggi superano ognuno il 3%, quando è pacifico che, in caso di elezioni, sarà grasso che cola se raggiungeranno il 3% tutti assieme appassionatamente?

Mi disse qualche tempo fa un amico che faceva per lavoro quello di occuparsi della propaganda di persone che volevano essere elette ed avere successo in politica. Tre sono le cose che servono:

I servono soldi.

II servono soldi

III servono soldi.

Per comprarsi sondaggi favorevoli, giudizi giornalistici favorevoli, per avere un sacco di interviste ed essere al centro del mondo mediatico. Soldi, è solo una questione di soldi. Dopo che per alcuni mesi/anni ti hanno sparato in prima linea nei sondaggi, nelle prime pagine dei giornali e dei tiggì, beh allora, anche se sei un cretino integrale, avrai possibilità di prendere un pò di voti, altrimenti sei un nessuno che risulta trasparente ai media. E se sei trasparente non ti voterà nessuno, anche se hai il programma più bello del mondo e sei una persona istruita, capace e onesta.

E poi non domandatevi perchè il panorama politico italiano sia così desolante…

Maradona tutta la vita

E’ strano tutto questo sproloquiare sul “vizio” di Maradona quando non si è mai parlato in modo analogo dello stesso vizio quando riguardava un importante personaggio della seconda parte del secolo scorso.

Maradona considerato quasi un delinquente mentre l’altro era considerato un gentiluomo, osannato dai media, che da sempre sono pronidi fronte ai potenti.

Maradona è stato un personaggio generoso, coraggioso, che è partito dalla povertà più assoluta guadagnandosi col tempo il rispetto e l’ammirazione di tutto il mondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gianni-agnelli-orologiosupolsino.jpg

L’altro che nasceva ricco e spocchioso e faceva tendenza non perchè avesse delle qualità particolari, a parte quelle mondane, ma perchè si metteva l’orologio sopra il polsino.

Maradona ha sempre rispettato i suoi compagni, i suoi tifosi, la sua famiglia, ha avuto dei valori e non si mai piegato nei confronti delle ingiustizie. ha seguito tutte le varie rivoluzioni sudamericane,

nate sotto l’impulso della necessità di una maggiore giustizia sociale, fondamentale per uo come lui , nato in un quartiere povero nella periferia di Buenos Aires, che non aveva mai scordato le sue origini.

L’altro invece visse facendosi sempre i fatti suoi, seguendo esclusivamente i suoi interessi personali, fregandosene di tutti compresa la propria famiglia (il figlio si uccise per diasperazione), essendo un cinico opportunista nella vita, nelle attività economiche e nello sport. Con la sua azienda, veniva Finanziato dallo Stato negli anni di magra ed era ricco percepiente di miliardi negli anni di vacche grasse- Con il suo unico vero amore, la juventus, una storia di sport in cui lo spirito davvero “sportivo” era assente sostituito da un cinismo assoluto. Conosciamo i soprannomi non proprio simpatici della Vecchia signora, non per niente la squadra più amata ma anche più odiata d’Italia. E neanche a dire che fosse un uomo di cultura. La sorella ricordava che in vita sua Gianni avesse letto solo un libro. Era troppo interessato al bel mondo, alle donne, ai suoi vizi ed al godimento talvolta un pò eccentrico delal sua ricchezza.

Torniamo A Dieguito, come veniva chiamato quando era giovane, In una intervista di Gianni Minà dice: “Tutti pensano che io sia diventato Maradona quando sono arrivate le vittorie prestigiose, la coppa del mondo, ma questo non è vero.

Maradona è nato quando giocava in una piccola squadra argentina in lotta per non retrocedere ed è rimasto sempre lo stesso. “

Lui era immenso talento, il grande divertimento di poter giocare in un campo di calcio, la grande generosità con i compagni.

Quando la pressione su di lui divenne insostenibile, superando quello che per lui era soprattutto un divertimento, piano piano abbandonò lo sport. Ci fu la squalifica per la cocaina, i nemici lo fecero fuori sfruttando i suoi punti deboli.

Ma noi lo richiamo per le sue magie con la maglia del Barcellona, con quella del Napoli e con quella dell’Argentina. Un campione generoso e corretto in campo. La “manita” contro l’Inghilterra fu dovuta più che altro all’acerrima rivalità non solo sportiva tra le due nazioni.

Ma dopo quel dispettoso tocco di mano Diego s’inventò uno dei suoi gol più belli, tanto per far capire che era sempre lui, el Pibe de Oro.

Adesso che ne piangiamo la sua morte è evidente più che mai che tra un Gianni Agnelli o il suo giocatore più coccolato, Michel Platini e Diego Armando Maradona, io dico:

MARADONA TUTTA LA VITA!!

Un raffronto tra due protagonisti della storia degli ultimi 50 anni con lo stesso viziodella cocaina, uno osannato l'altro demonizzato

Perchè prorogare lo Stato di Emergenza

QUI TROVATE IL LINK ALLA SPIEGAZIONE TECNICA DELLO STATO DI EMERGENZA AL SITO ALTALEX, SPECIALIZZATO NEL CAMPO GIURIDICO

Premesso che il virus esiste ancora, perchè anche se attualmente è in forma più leggera in Italia, c’è sempre la pandemia mondiale, in molti paesi la situazione è ancora molto critica, quindi  in Italia c’è il rischio che la situazione possa tornare come prima.

Essendo, quello del COVID_19, un fatto mai accaduto prima,  è giusto che il governo sia prudente.

In questo quadro lo stato di emergenza è un provvedimento definito dalla legge 225 del 1992 sulla Protezione civile e delega al governo dei poteri normalmente attribuiti agli enti locali. In questo modo si permette all’esecutivo di intervenire in modo tempestivo, straordinario e coordinato a livello nazionale. Lo stato di emergenza può essere dichiarato di fronte a diverse situazioni: ad esempio per rischio sismico, vulcanico, meteo-idro, ambientale e infine, come accaduto a gennaio, sanitario.

In questo stato di emergenza il governo PUO’, se necessario, bypassare gli enti locali per prendere misure particolari come quelle che sono state prese contro il covid_19. Se non fosse stata attuata la proroga allo stato di emergenza tutti i decreti sarebbero stati annullati con le conseguenze che tutti possono immaginare. In questa maniera invece il Presidente del Consiglio PUO’ Emanare nuovi decreti, in accordo col proprio governo. Tutto ciò per essere pronti a gestire eventuali altre emergenze in maniera rapida e puntuale.

Niente dittatura quindi né emergenza costituzionale.

giuseppe-Conte-mascherina-covid-Italia-2020

Italian Premier, Giuseppe Conte, at the Senate during a debate on further measures to combat the spread of Covid-19, Rome, Italy, 28 July 2020. ANSA/FABIO FRUSTACI

Giuseppe Conte si è dimostrato un Presidente del Consiglio prudente, capace, attento alle esigenze dei cittadini e di tutte le parti sociali ed ha agito sempre con l’approvazione della sua maggioranza, mediando le varie “anime” del governo.

Per il resto è meglio continuare ad usare tutte le precauzioni (distanziamenti, igiene, mascherine quando necessario) se queste possono evitare il rischio di un nuovo lockdown.

Coronavirus

Il concetto è: riaprire le attività ma farlo con tutte cautele.

Il punto su cui pochi parlano, anche dalle opposizioni, ma che invece è FONDAMENTALE, è un altro.

C’è stato un fermo dell’economia, che adesso ripartirà, quello che dovremmo pretendere invece di fare demagogiche proteste, è che, coi soldi che arriveranno dall’Europa, occorrerà migliorare la sanità pubblica, le scuole, la formazione sulla sicurezza, i collegamenti informatici, il lavoro agile, l’ambiente, l’economia circolare dei rifiuti, implementando tutte le attività economiche che si svolgano in questo segno. Oltre che dare dei sussidi a chi non riesce ad arrivare alla fine del mese e agevolare le imprese in crisi.

Non dovrà trattarsi di soldi “regalati” alle imprese solo per ripartire ma di soldi da investire in una economia più attenta alle esigenze dedi cittadini e del bene comune.

Invece la “vecchia politica”, che è ancora ben radicata nei partiti attuali, di governo e di opposizione, pensa già a sbloccare i cantieri in modo indiscriminato invece partire solo con le opere utili non impattanti coll’ambiente ed il territorio. Dovrebbero eliminare ogni progetto di opera inutile (a partire dal TAV, da nuovi inceneritori, da nuove autostrade, nuovi aereoporti, ad inutili colate di cemento in ogni parte d’Italia) .

val-di-susa-tav

Anche perchè un’altra emergenza italica è il rischio idrogeologico di oltre il 70% del territorio italiano e questo va combattuto anche riforestando il territorio, non facendo colate di cemento!

DISSESTO IDROGEOLOGICO

Poi c’è la messa in sicurezza delle strutture relative a scuole ed ospedali, delle case costruite senza criteri antisismici o criteri di risparmio energetico. Adesso ci sono i superbonus, ma non è chiaro come funzionano e se saranno davvero utili.

Poi si potrebbero riattare tutti gli edifici pubblici o privati, che adesso stanno andando in malora e che invece potrebbero essere usati per dare casa a chi non ce l’ha, o come sede per attività di interesse sociale, terzo settore, sport e spettacolo, ecc

Ci sarebbe tanto altro da dire, riprenderemo questo discorso…

E voi, che ne pensate?

 

La teiera di Russell…

 

Teierasistema solare

«Se io sostenessi che tra la Terra e Marte c’è una teiera di porcellana in rivoluzione attorno al Sole su un’orbita ellittica, nessuno potrebbe contraddire la mia ipotesi purché io avessi la cura di aggiungere che la teiera è troppo piccola per essere rivelata persino dal più potente dei nostri telescopi. Ma se io dicessi che, giacché la mia asserzione non può essere smentita, dubitarne è un’intollerabile presunzione da parte della ragione umana, si penserebbe giustamente che stia dicendo fesserie. Se però l’esistenza di una tale teiera venisse affermata in libri antichi, insegnata ogni domenica come la sacra verità e instillata nelle menti dei bambini a scuola, l’esitazione nel credere alla sua esistenza diverrebbe un segno di eccentricità e porterebbe il dubbioso all’attenzione dello psichiatra in un’età illuminata o dell’Inquisitore in un tempo antecedente» (Bertrand Russell)